Internos Internos Le nuove professioni di Internet
 internos >> personaggi >> Umberto Corradini e Motoristmail

giugno 2000

Umberto Corradini e Motoristmail - http://www.motoristmail.com/


Umberto CorradinilD) Umberto, cominciamo con la tua presentazione?

R) Umberto ha 31 anni, é nato a Terni dove si è diplomato in ragioneria, ha conseguito la laurea in Matematica a Perugia, dopo un anno ha vinto una selezione per una azienda informatica perugina (Cartesio s.p.a.) presso la quale ancora lavora. Attualmente, dopo un breve periodo di lavoro presso un calzaturificio a Perugia, sviluppa siti internet per il Monte dei Paschi nella sede centrale di Siena, sempre come dipendente della Cartesio.

D) Motoristmail è un'idea che sta avendo molto successo, vuoi raccontarci la tua "avventura"?

R) Tengo a precisare che ho vinto un concorso per la migliore idea imprenditoriale di Terni. Ho sempre avuto la voglia di realizzare qualcosa di personale ed innovativo, non per dimostrare chissà che agli altri o per motivi economici, ma per essere libero, libero dalle persone che ti comandano. Non mi piace "lavorare per gli altri". Fatta questa premessa passiamo alla storia di motoristmail. Per un certo periodo, ogni domenica sera prendevo la macchina per spostarmi da Terni, la mia citta', a Perugia dove per l'intera settimana lavoravo presso un calzaturificio. Non avevo la radio e quindi l'unica cosa che potevo fare mentre guidavo era pensare. Non certo al lavoro che avrei svolto in azienda o a cosa avrei fatto nel successivo week-end,.... ma a come diventare "libero". Avendo già avuto l'esperienza negativa della "miglior idea imprenditoriale città di Terni" (il mio progetto non e' stato possibile realizzarlo per motivi economici) , capii che se volevo fare "qualcosa di mio" dovevo concentrarmi su un'attività a costi zero o perlomeno minimi e dal momento che l'unica cosa che so fare bene sono i programmi informatici inevitabile non pensare ad Internet e ad un sito. Il problema pero' era: quale tipo di sito? Dovevo trovare qualcosa che già non esistesse. Per chi conosce internet sa che la cosa è praticamente impossibile. Ma non mi sono demoralizzato. Così una di quelle sere mentre viaggiavo verso Perugia, immerso in queste riflessioni, alla ricerca dell'idea, ecco che mi sorpassa di notte in galleria, tagliandomi la strada, un tizio su una macchina ad alta velocità. Tralascio di raccontare quali pensieri al momento hanno immediatamente attraversato la mia mente dato che sono facilmente immaginabili, comunque subito dopo ho provato una sensazione di impotenza visto che non sarei mai riuscito a raggiungere il guidatore per dirgli direttamente in faccia le mie opinioni sul suo comportamento scorretto..... e così in quei momenti, mentre pensavo quanto sarebbe stato bello avergli potuto inviare un bel messaggio via Internet risalendo magari al suo indirizzo di posta elettronica direttamente dalla targa .... : è nato motoristmail.

D) Immagino che da allora sia iniziata la fase piu' difficile ovvero realizzare concretamente il tuo progetto.

R) Già. A quell'epoca non sapevo come si realizzasse tecnicamente un sito internet. Così ho chiesto informazioni ad una mia collega (Sabrina Baccili), che aveva già realizzato un sito per l'università. E dal momento che i costi per realizzare il progetto dovevano essere praticamente nulli, non potevo utilizzare windows e gli altri programmi che girano sotto tale sistema visto che necessitano di licenza d'uso Di conseguenza sono stato costretto ad utilizzare ed apprendere l'uso di tutti i programmi freeware. Ho imparato ad usare il sistema operativo linux, il linguaggio di programmazione perl, il database postgresql e il linguaggio di marcatura html. Ho dovuto quindi, prima di concentrarmi sul progetto, studiare moltissimo. Tutto questo extra orario lavoro. Che fatica! Da una parte sono stato molto fortunato perchè vivendo nell'ambiente informatico ho avuto la possibilità di essere aiutato da alcuni colleghi, che, pur non credendo nella mia idea, sono stati così bravi da aiutarmi quel tanto che bastava per darmi la possibilità di partire e permettermi poi di camminare da solo. Realizzato sul mio computer il sito, avevo la necessità di trovare un provider che mi ospitasse e che come al solito costasse poco oltre ad essere in grado di mettermi a disposizione tutti gli strumenti che servivano (linux, perl, postgresql). Credetemi non è stato facile, infatti ci sono voluti 3 mesi. Una volta stipulato il contratto è passato un altro mese per ricevere il nome di dominio perchè la sfortuna volle che proprio quel giorno in cui lo richiesi furono variate le procedure. E cosi' finalmente sono riuscito a portare il sito su Internet.

D) Progetti e traguardi futuri?

R) Voglio ancora modificare tecnicamente il sito offrendo la possibilità di iscriversi a motoristmail non con un solo veicolo come avviene adesso, ma con più veicoli, associati ad un unico un nome utente e relativa password. Altro obiettivo da raggiungere a breve scadenza è quello di poter ridirigere i messaggi che arrivano da altri utenti direttamente sulla propria posta elettronica, senza controllarli attraverso Motoristmail. Gli sviluppi futuri sono quelli invece di realizzare una chat, forum,.... le solite cose che non mancano in un buon sito internet oltre a migliorare la grafica anche se penso che l'aspetto esteriore di un sito che offre servizi (vedi la posta di yahoo o la posta di hotmail) di messaggistica non debba essere preponderante. Purtroppo lavorando fuori dalla mia città ho tempo da dedicare al sito solo il sabato e la domenica (giorni nei quali di solito le persone si riposano), e dato che per il momento l'attività di marketing è più importante dell'aspetto tecnico le mie risorse, in questo momento, sono orientate a 360° alla promozione del sito ed alla ricerca di uno sponsor.

D) Come pensi di rendere economicamente produttiva la tua idea? Banner pubblicitari o altro?

R) Soltanto adesso mi rendo conto che tutto il lavoro tecnico è niente in confronto alle azioni di marketing necessarie per promuovere il sito.Non avendo molta esperienza nel settore sto ancora cercando delle idee per promuovere il mio business. Sicuramente, una di queste, è quella di distribuire degli adesivi da apporre accanto alla targa del proprio motorino o auto in modo da indicare che quel veicolo è registrato in motooristmail e quindi rintracciabile. Questo comporta pero' la ricerca di sponsor ovvero di capitali da investire. Non credo che utilizzerò molto i banner dato che come utente internet mi sarà capitato una diecina di volte in un anno di cliccare su quelli che incontro navigando. Credo invece molto di più nello scambio di link e descrizioni testuali su altri siti. Ad ogni modo penso che se un servizio è utile e funziona correttamente, allora saranno gli stessi utenti che faranno il passaparola. Ovviamente questo, pero', non basta.

Motoristmail

D) Hai già ricevuto proposte di sponsorizzazione?

R) Come avrete notato il sito è stato menzionato da tutti i maggiori media per internet italiani. Ma solo un piccolo sponsor americano si è fatto vivo. La cosa sembra abbastanza strana poichè in USA quasi nessuno conosce questo servizio. Appena lo hanno saputo si sono fatti avanti. Non posso dire che gli americani hanno il senso degli affari perchè questo è solo un caso. Comunque o gli italiani stanno sempre dietro ad inseguire gli americani o non credono in questa idea. Sinceramente a me piacerebbe individuare uno sponsor italiano magari nel campo dei motori, ma non necessariamente. Vorrei sottolineare che motoristmail è un progetto sfruttabile a livello internazionale e non legato solo al nostro Paese

D) Al momento quanti sono i visitatori di MotoristMail?

R) Dopo la segnalazione del sito da parte di Repubblica vi è stato un vero e proprio boom di visitatori e di iscrizioni. Attualmente la media giornaliera è di 150/200 visitori e di 20 iscrizioni.

D) Cosa ne pensi di Internet e quale futuro prevedi per la rete?

R) Fare previsioni future è sempre molto difficile. Non so se il mio sito avrà successo figuriamoci se posso sapere cosa succederà ad internet. Ma un azzardo lo posso fare:
1)Credo che i telefonini wap in rete saranno si venduti, ma non utilizzati molto per connnettersi.
2) Almeno in Italia il commercio elettronico non avrà successo (anche se tutti dicono il contrario) se non si trova una forma di pagamento sicura al 100%.
3) Sempre più utenti connessi e più siti internet e sempre più denaro e pubblicità intorno alla rete.
4) La sicurezza su internet faàr da padrona nei prossimi anni.

D) Una tua opinione sull'imprenditoria telematica: esiste spazio per i piccoli che hanno delle buone idee da sviluppare e scarsi capitali in un panorama internettiano dominato dai grandi portali?

R) Mi sarebbe piaciuto rispondere a questa domanda fra 2 anni. Nel 2002 avrei potuto dare la risposta con esattezza. A me piace molto la libertà e credo che internet sia uno dei luoghi dove viene meglio garantita perchè non esistono quasi limiti. Al tempo della preistoria l'uomo così piccolino doveva difendersi dai grossi dinosauri. Se noi siamo ancora qui significa che quelle persone sono risuscite, seppure con grosse difficoltà, a superare quei pachidermi. La stessa cosa dovrebbe fare il piccolo imprenditore che vuole emergere. Senza queste grosse società non ci sarebbe nemmeno gusto a sfondare in internet. Quando andavo a karate mi hanno insegnato a non contrappore la mia forza a quella dell'avversario, ma a sfruttarla. Volete un esempio? MotoristMail é stato recensito da Repubblica, Rai 3, Internet News.... Non sono queste grosse aziende?

D) La vita privata di Umberto: vuoi parlarci di come trascorri il tempo libero?

R) In generale mi piace passeggiare con gli amici e stare all'aria aperta, dedicarmi alla lettura, giocare a tennis, a carte e a scacchi e...navigare su Internet. Ultimamente però non faccio niente di tutto questo perchè sono impegnatissimo nel promuovere il mio sito. Quindi non stacco quasi mai dal computer. Albert Einstein diceva: i sogni sono importanti, ma per realizzarli bisogna ritornare alla realtà :-)


torna su  

Internos


job valley

job F.A.Q.

net.work

i personaggi

i dossier

gli articoli

dicono di noi

e-mail



Internos

Internos